Archive for ottobre 2014

E’ su Youtube un nuovo video che spiega le funzionalità di Agriturismi della Lombardia

Posted on 19 ottobre 2014. Filed under: Senza categoria |

Agriturismi della Lombardia è l’app, sviluppata da Piero Sbressa e Carmelo La Monica, che vi indica tutti gli agriturismi della Lombardia e le segnalazione di come arrivarci.

 

Correte a scaricarla e a installarla sul vostro Smartphone Windows Phone.

 

 

Schermate dell’app Agriturismi della Lombardia

 

 

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

E’ su Youtube un nuovo video che spiega le funzionalità di Crystalweb Meteo Sat

Posted on 19 ottobre 2014. Filed under: Senza categoria |

Crystalweb Meteo Sat è l’app, sviluppata da Piero Sbressa e Carmelo La Monica, che oltre a farvi vedere le immagini dal satellite, spiega cosa sono i satelliti geostazionari, quali sono le loro date del lancio nello spazio e altro.

 

Correte a scaricarla e a installarla sul vostro Smartphone Windows Phone.

 

 

Schermate dell’app Crystalweb Meteo Sat

 

 

 

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

E’ su Youtube un nuovo video che spiega le funzionalità di My Favorite Music

Posted on 19 ottobre 2014. Filed under: Senza categoria |

My Favorite Music è l’app sulla musica, sviluppata da Piero Sbressa e Carmelo La Monica.

 

Correte a scaricarla e a installarla sul vostro Smartphone Windows Phone.

 

 

Schermate dell’app My Favorite Music

 

 

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

E’ su Youtube un nuovo video che spiega le funzionalità di Crystalweb Bioritmi

Posted on 14 ottobre 2014. Filed under: Senza categoria |

Crystalweb Bioritmi è l’app sul vostro telefono per il calcolo dei 3 cicli sui bioritmi, sviluppata da Piero Sbressa e Carmelo La Monica.

 

Correte a scaricarla e a installarla sul vostro smartphone Windows Phone e sul vostro tablet/PC Windows 8.

 

 

Schermate dell’app Crystalweb Bioritmi

 

 

 

image

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

E’ su Youtube un nuovo video che spiega le funzionalità di CrystalwebMassaCorporea

Posted on 12 ottobre 2014. Filed under: Senza categoria |

 

CrystalwebMassaCorporea è l’app per il vostro telefono per il calcolo della massa corporea, sviluppata da Piero Sbressa e Carmelo La Monica.

 

Schermate dell’app CrystalwebMassaCorporea

 

Correte a scaricarla e a installarla sul vostro smartphone Windows Phone.

 

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Corso di WPF

Posted on 12 ottobre 2014. Filed under: Microsoft |

E’ online il corso WPF scritto per Vicenza Software.

Ringrazio pubblicamente chi mi aiutato in questo progetto.

Potete trovare su http://corsi.vicenzasoftware.com/tutti-i-corsi/corso/programmazione-wpf/category_pathway-13.html la scheda descrittiva.

Il costo è di 129,99 IVA compresa.

 

Trovate anche il video della presentazione su Youtube.

Presentazione corso su WPF per Vicenza Software
Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Visualizzare, Inserire e modificare dati in WCF

Posted on 11 ottobre 2014. Filed under: Senza categoria |

Riprendo il discorso del WCF, pubblicato circa una settimana fa.

Nell’articolo precedente abbiamo concluso col codice per visualizzare un DataGrid.

Andando avanti a lavorare su questo progetto, mi sono imbattuto, come si fa in una qualsiasi applicazione, a dover inserire e modificare dei dati.

E qua sono stati dolori, perché una semplice query e il SaveChanges non funzionano come sono abituato a farlo su WPF, ma in modo diverso.

Guardando siti Internet, documentazione MSD e aver provato diverse decine do codici, ho notato che nessuno funzionava. Allora studiandoci un pò e dopo una miriade di prove, sono riuscito a trovare la soluzione, prendendo pezzi di codice qua e là e mettendoli assieme.

E quindi voglio condividere questi miei esperimenti e il codice che sono riuscito a far funzionare.

Non metterò schermate, perché basta riprendere l’articolo precedente https://pieer11.wordpress.com/2014/10/05/creazione-di-un-applicazione-web-con-connessione-a-database/ e andare ad aggiungere questo codice.

Ovviamente metterete solo tre pulsanti (per visualizzazione, modifica e inserimento dato).

Questo è il code-behind.

 

Query Link per caricamento e visualizzazione dati e numero delle righe:

Private Sub OK_Click(sender As Object, e As RoutedEventArgs) Handles OK.Click If Username.Text = "" Or PasswordBox.Password = "" Then Exit Sub

Dim q = New GestionalePinoyEntities(New Uri(http://localhost:55493/WcfDataService1.svc/)) Dim qu = From u In q.Operatori Where u.Username = Username.Text And u.Password = PasswordBox.Password Select u Dim dsQueryCust = CType(qu, DataServiceQuery(Of ServizioDati.Operatori))

dsQueryCust.BeginExecute(

AddressOf OnCallCompleted, dsQueryCust) End Sub

 

 

Private Sub OnCallCompleted(ByVal ar As IAsyncResult) Dim ResultCustomer As ObservableCollection(Of ServizioDati.Operatori) = Nothing Dim Result As List(Of ServizioDati.Operatori) = Nothing Dim qry = TryCast(ar.AsyncState, DataServiceQuery(Of ServizioDati.Operatori))

Dim evens = qry.EndExecute(ar).Count() End Sub

 

 

 

 

Inserimento:

Private Sub Button_Click(sender As Object, e As RoutedEventArgs) Dim vol = New LogAccessi()

vol.CodiceOperatore =

"OPE"

vol.DataLogin =

Date.Now

vol.ForzaturaLogout =

False

vol.AccessoRiuscitoFallito =

False

vol.UserNameInserito =

"PIERO"

vol.PasswordInserita =

"shhhhh"

vol.LoginAbilitazioneModifica =

True

GpEntities.AddToLogAccessi(vol)

Dim callback As AsyncCallback = AddressOf OnChangesSaved

GpEntities.BeginSaveChanges(

SaveChangesOptions.Batch, callback, GpEntities) End Sub

Private Sub OnChangesSaved(ByVal result As IAsyncResult) Dim dataToUpdate = TryCast(result.AsyncState, ServiceReference1.LogAccessi)

GpEntities.EndSaveChanges(result)

MessageBox.Show("Record inserito con successo") End Sub

 

Modifica:

Private Sub Button_Click_1(sender As Object, e As RoutedEventArgs) Dim q = New GestionalePinoyEntities(New Uri("http://localhost:55493/WcfDataService1.svc/")) Dim qu As IEnumerable(Of ServiceReference1.LogAccessi)

qu =

From u In q.LogAccessi Where u.idLogAccessi = 4751 Select u

Dim productQuery = _ CType(qu, DataServiceQuery(Of ServiceReference1.LogAccessi))

productQuery.BeginExecute(

AddressOf OnBeforeSavingComplete, productQuery) End Sub

Private Sub OnBeforeSavingComplete(ByVal result As IAsyncResult)

Dim productQuery = _ CType(result.AsyncState, DataServiceQuery(Of ServiceReference1.LogAccessi))

Dim newEmployee = productQuery.EndExecute(result).SingleOrDefault With newEmployee

.PasswordInserita =

"PIEROOOOO" End With

GpEntities.AttachTo(

"LogAccessi", newEmployee)

GpEntities.UpdateObject(newEmployee)

Dim callback As AsyncCallback = AddressOf OnNewUserSaveComplete

GpEntities.BeginSaveChanges(

SaveChangesOptions.Batch, callback, newEmployee) End Sub

Private Sub OnNewUserSaveComplete(ByVal result As IAsyncResult) GpEntities.EndSaveChanges(result)

MessageBox.Show("Record modificato con successo")

End Sub

 

Ovviamente al posto di http://localhost:55493/WcfDataService1.svc/ metterete l’indirizzo del vostro servizio dati WCF e mettere questa riga a livello di pagina:

Dim GpEntities = New GestionalePinoyEntities(New Uri("http://localhost:55493/WcfDataService1.svc/"))

e queste righe all’inizio:

Imports

SilverlightApplication1.ServiceReference1

Imports

System.Data.Services.Client

Imports

System.Collections.ObjectModel

Ovviamente cambierete anche i nomi degli oggetti (tabelle e proprietà).

Potrete quindi adesso scrivere con Visual Studio delle applicazioni Web complete anche a livello Enterprise.

 

Articolo scritto da Piero Sbressa (www.crystalweb.it) e Carmelo La Monica, Microsoft Contributor (http://community.visual-basic.it/carmelolamonica/default.aspx)

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Creazione di un applicazione Web con connessione a database

Posted on 5 ottobre 2014. Filed under: Senza categoria |

Di WCF, di RIA Services, di Silverlight ci sono tanti articoli su internet, anche nella relativa documentazione su MSDN.

E allora vi direte: come mai un altro articolo su questo, quando ormai si è detto tutto?

Semplice. Perchè per far funzionare il progetto che andrò a raccontarvi ho dovuto prendere dei pezzi da un articolo, un pezzo da un altro e via dicendo perchè con gli articoli c’era sempre un qualche problema.

Così questo articolo mette assieme le cose che ho dovuto fare per arrivare ad un progetto funzionante.

Metterò comunque alla fine i link degli articoli ai quali mi sono appoggiato.

Ma andiamo con ordine.

Ho sviluppato anni fa un gestionale in WPF partendo da Visual Studio 2010 e poi aggiornato con nuove funzionalità in Visual Studio 2012. Provato anche in Visual studio 2013 funziona senza alcun problema.

Questo gestionale usa per l’accesso ai dati Entity Framework Data Model. Gli oggetti dello XAML sono in databinding con le relative ViewSource.

E fin qua ok. Ora provate a creare in Visual Studio 2013 un progetto WPF, aggiungere il Data Model allo stesso database e poi copiarci XAML e code-behind. Noterete che non funzionerà perchè sono cambiati alcuni metodi soprattutto per l’inserimento e la cancellazione delle righe.

 

Fatta questa premessa, da questo gestionale dovevo realizzare una parte web son solo alcune delle features esistenti sul programma per Desktop. Il server Web e il server database sono su un server fisico all’interno dell’ufficio con router e ip pubblico.

La cosa più ovvia è stata quella di utilizzare Silverlight. Faccio giusto delle prove che non riescono e solo dopo averci sbattuto la testa sono riuscito a farlo funzionare.

Per non essere troppo lungo nella stesura dell’articolo, scriverò i passaggi per la conversione di un software wpf in silverlight tenendo la stessa fonte dati e minimizzare al massimo interventi sul codice esistente.

Useremo quindi Visual Studio 2013 perchè è l’ultima versione disponibile sul mercato. Il tutto lo faremo sul server.

Prima di tutto creiamo una nuova applicazione vuota Web ASP.NET e lo chiamiamo “ServerGestionaleWeb”

Questa sarà la parte server del nostro gestionale web, che conterrà il Data Model e il servizio dati.

Il client lo potremo mettere sulla stessa solution o su un’altra solution.

 

1

 

L’Esplora soluzione sarà così:

2

 

Dobbiamo adesso aggiungere il Data Model.

Andiamo quindi col tasto destro sul progetto e poi su “Aggiungi nuovo elemento”

3

 

Impostiamo quindi la connessione al nostro database (che dovrà essere in remoto e visibile tramite Management Studio, quindi va aperta la porta 1433 sul firewall e attivato il protocollo TCP/IP su SqlServer).

 

Salviamo e compiliamo il progetto per vedere che non ci siano errori.

A questo punto aggiungiamo il WCF Data Services

image

 

Lasciamo il nome di default e clicchiamo su Aggiungi.

Adesso sul file WcfDataService1.svc.vb dobbiamo modificare alcune righe-

Questo è il codice generato automaticamente:

Imports

 

System.Data.Services

Imports

 

System.Data.Services.Common

Imports

 

System.Linq

Imports

 

System.ServiceModel.Web

Public

 

Class WcfDataService1 ‘ TODO: replace [[class name]] with your data class name Inherits DataService(Of [[class name]]) ‘ This method is called only once to initialize service-wide policies. Public Shared Sub InitializeService(ByVal config As DataServiceConfiguration) ‘ TODO: set rules to indicate which entity sets and service operations are visible, updatable, etc. ‘ Examples: ‘ config.SetEntitySetAccessRule(“MyEntityset”, EntitySetRights.AllRead) ‘ config.SetServiceOperationAccessRule(“MyServiceOperation”, ServiceOperationRights.All)

config.DataServiceBehavior.MaxProtocolVersion =

 

DataServiceProtocolVersion.V3 End Sub

End

 

Class

 

 

Dobbiamo modificarlo in:

Imports

 

System.Data.Services

Imports

 

System.Data.Services.Common

Imports

 

System.Linq

Imports

 

System.ServiceModel.Web

Public

 

Class WcfDataService1 ‘ TODO: replace [[class name]] with your data class name Inherits DataService(Of Entities) ‘ This method is called only once to initialize service-wide policies. Public Shared Sub InitializeService(ByVal config As DataServiceConfiguration) ‘ TODO: set rules to indicate which entity sets and service operations are visible, updatable, etc. ‘ Examples:

config.SetEntitySetAccessRule(

 

“*”, EntitySetRights.All) ‘ config.SetServiceOperationAccessRule(“MyServiceOperation”, ServiceOperationRights.All)

config.DataServiceBehavior.MaxProtocolVersion =

 

DataServiceProtocolVersion.V2 End Sub

End

 

Class

 

 

Dove al posto di Entities metterete l’Entità che avete dichiarato durante l’aggiunta del Data Model.

A questo punto lanciando l’applicazione vedremo una schermata del genere, ovviamente cambierà in base al database che avete inserito.

image

 

A questo punto andiamo a prendere tutta la cartella contenuta in bin/Debug e li mettiamo in c:\inetpub\wwwroot ossia la root del nostro sito web Iis.

in modo che la stessa schermata si visibile anche tramite http://nomeserver/WcfDataService1.svc oppure http://80.80.80.80/WcfDataService1,svc dove ovviamente al posto di 80.80.80.80 metterete il vostro ip pubblico.

Per la parte server siamo a posto. Verifichiamo anche da un pc fuori dalla rete locale che il Wcf Data Services sia visibile.

 

Veniamo ora alla parte client.

Possiamo fare i seguenti passaggi sulla stessa solution oppure su una nuova. La scelta dipenderà dalle vostre esigenze.

Facciamolo qua sulla stessa soluzione.

Aggiungiamo un nuovo progetto (o creiamo un nuovo progetto) del tipo SilverLight Application, come nella figura seguente.

image

 

image

Lasciamo le opzioni di default e clicchiamo su ok.

 

Se state creando un nuovo progetto invece di aggiungerlo a quello server, l’applicazione sarà contenuta in un nuovo sito Web.

A questo punto salviamo e compiliamo la solution.

Ecco come si presenta ora Esplora Soluzione

image

Dobbiamo a questo punto aggiungere la reference al servizio, che sarà quello pubblico con ip o nomeserver pubblici.

image

 

Diamo l’ok per confermare.

 

Dobbiamo ora salvare e compilare per poter fare il passaggio successivo.

Se non compiliamo il prossimo passaggio non si potrà farlo.

 

Ora andiamo su Origini dati: aggiungiamo un oggetto NomeApplicazione.ServiceReference1 (questa è la riga che viene aggiunta con l’origine dati)

image

 

image

 

Selezioniamo la riga e facciamo Fine.

Adesso trasciniamo un oggetto sulla Window (bisognerà ripetere l’operazione 2 o 3 volte affinche la Window venga aggiornata).

Una volta che lo fa poi scrive solo parzialmente il codice, tanto vale allora scrivere qua tutto il codice completo. Voi farete un copia e incolla e poi andate a modificare solo i nomi degli oggetti.

 

 

Questo è l’XAML:

<UserControl
xmlns=”http://schemas.microsoft.com/winfx/2006/xaml/presentation
xmlns:x=”http://schemas.microsoft.com/winfx/2006/xaml
xmlns:d=”http://schemas.microsoft.com/expression/blend/2008
xmlns:mc=”http://schemas.openxmlformats.org/markup-compatibility/2006
xmlns:ServiceReference1=”clr-namespace:SilverlightApplication1.ServiceReference1″ xmlns:sdk=”http://schemas.microsoft.com/winfx/2006/xaml/presentation/sdk x:Class=”SilverlightApplication1.MainPage”
mc:Ignorable=”d”
d:DesignHeight=”300″ d:DesignWidth=”400″>

<UserControl.Resources>
<CollectionViewSource x:Key=”ProfessioneViewSource” d:DesignSource=”{d:DesignInstance ServiceReference1:professione, CreateList=True}”/>
</UserControl.Resources>

<Grid x:Name=”LayoutRoot” Background=”White” DataContext=”{StaticResource ProfessioneViewSource}”>
<sdk:DataGrid x:Name=”ProfessioneDataGrid” AutoGenerateColumns=”False” ItemsSource=”{Binding Source={StaticResource ProfessioneViewSource}}” Margin=”37,22,-37,78″ RowDetailsVisibilityMode=”VisibleWhenSelected”>
<sdk:DataGrid.Columns>
<sdk:DataGridTextColumn Binding=”{Binding ID_Professione}” Header=”id” Width=”200″ />
<sdk:DataGridTextColumn Binding=”{Binding professione1}” Header=”professione” Width=”500″ />
</sdk:DataGrid.Columns>
</sdk:DataGrid>
</Grid>
</UserControl>

 

e questo il code-behind, dove al posto di localhost metterete l’indirizzo ip pubblico del vostro servizio WCF:

Imports System.Windows.Navigation
Imports SilverlightApplication1.ServiceReference1
Imports System.Windows.Data

Partial Public Class MainPage
Inherits UserControl

Dim advWorksService As PinoyEntities
Private ProfessioneViewSource As CollectionViewSource

Public Sub New()
InitializeComponent()
End Sub

Private Sub UserControl_Loaded(sender As Object, e As RoutedEventArgs) Handles MyBase.Loaded

advWorksService = New PinoyEntities(New Uri(“http://localhost:52678/WcfDataService1.svc/“))
ProfessioneViewSource = Me.Resources(“ProfessioneViewSource”)
advWorksService.professione.BeginExecute(Sub(result As IAsyncResult)
ProfessioneViewSource.Source = advWorksService.professione.EndExecute(result)
End Sub, Nothing)

 

‘Non caricare i dati in fase di progettazione.
‘If Not (System.ComponentModel.DesignerProperties.GetIsInDesignMode(Me)) Then
‘    ‘Caricare qui i dati e assegnare i risultati a CollectionViewSource.
‘    Dim myCollectionViewSource As System.Windows.Data.CollectionViewSource = CType(Me.Resources(“Resource Key for CollectionViewSource”), System.Windows.Data.CollectionViewSource)
‘    myCollectionViewSource.Source = your data
‘End If
End Sub
End Class

 

Lanciamo il programma e vedremo che funziona il tutto.

 

image

 

Ma ancora non è finita

dobbiamo mettere il tutto sulla cartella wwwrot di IIS.

Le due cartelle bin di ogni progetto (client e server) devono stare su due percorsi differenti. Sulla root lasciamo il servizio WCF e su una cartella interna l’applicazione Silverlight.

 

Dobbiamo adesso fare alcune installazioni e configurare IIS.

Una è il Web Deployemt Tools, scaricabile da qui:

http://www.microsoft.com/it-IT/download/details.aspx?id=4148

 

E poi su IIS eseguiamo le configurazioni come da immagine sotto:

image

 

Per arrivare a questa schermata dobbiamo cliccare su SitoWeb da Gestione di IIS e andare quindi su Binding.

 

Concludo ripetendo che abbiamo anche provato altre soluzioni e questa qui indicata è stato frutto della nostra esperienza.

Per dovere di cronaca vengono riportati tutti i link con le procedure ai quali ci siamo riferiti.

http://msdn.microsoft.com/it-it/library/cc668184.aspx

http://msdn.microsoft.com/it-it/library/ee621313.aspx

http://msdn.microsoft.com/it-it/library/ee621313.aspx

http://msdn.microsoft.com/it-it/library/bb924407(v=vs.110).aspx?sentenceGuid=db962fdb1d792dc01fadc20b27497628#mt18

http://msdn.microsoft.com/it-it/library/ms733766(v=vs.110).aspx

http://msdn.microsoft.com/it-it/library/aa751792(v=vs.110).aspx

http://msdn.microsoft.com/it-it/library/dd465337(v=vs.110).aspx

 

Articolo scritto da Piero Sbressa (www.crystalweb.it) e Carmelo La Monica, Microsoft Contributor (http://community.visual-basic.it/carmelolamonica/default.aspx)

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( 1 so far )

Visual Studio 14 CTP 3 su Windows 10 Technical Preview

Posted on 4 ottobre 2014. Filed under: Senza categoria |

In questo articolo voglio fare un esperimento. Installare Visual Studio 14 CTP 3 (versione Agosto 2014) in Windows Technical Preview e poi proveremo a creare una Windows Application e una WPF Application e vedremo se funzioneranno.

Al momento che mi accingo a scrivere l’articolo, sto facendo l’installazione per la prima volta della CTP 3 (in assoluto) e su Windows 10 (in assoluto) così vedremo in diretta eventuali problemi e come risolverli.

L’ultima CTP disponibile la potete scaricare qua: http://www.visualstudio.com/en-us/downloads/visual-studio-14-ctp-vs.aspx

Una volta scaricato, lo avviamo:

image

 

 

Clicchiamo poi su Next

Selezioniamo tutto per fare giusto qualche prova:

 

image

 

Poi selezioniamo Install e parte l’installazione:

 

image

 

 

image

 

Lanciamolo e dopo aver configurato il layout o l’account Microsoft vediamo una schermata del genere.

image

 

Creiamo un nuovo progetto Windows Store Application

 

image

 

Dopo aver ottenuto la licenza da sviluppatore (nel caso non avessimo configurato prima un account Microsoft) avremo la schermata del progetto.

 

image

 

 

image

 

Eseguiamo l’applicazione per vedere se funziona.

 

image

 

Chiudendo l’app noteremo che finalmente il debug di Visual Studio termina, come in Windows 8 e non come in Windows 8.1

L’app funziona.

Vediamo ora una WPF Application:

 

image

 

Come potete vedere funziona anche una Applicazione WPF:

Il problema rimane su Windows Phone, perché (solo in questo caso) è in esecuzione su una macchina virtuale e quindi non potremo eseguire l’emulatore, anche se ce lo fa installare.

 

 

image

 

Per concludere, si ricorda che la CTP3 e Windows Technical Preview non possono essere usate in produzione, per questioni di lecenza.

Noi ci abbiamo giusto giocato per vedere come funziona ed eventuali problematiche(che non ci sono state).

Una cosa che abbiamo notato è che dopo aver creato un nuovo progetto e poi lo chiudiamo verrà salvato automaticamente. Non chiede più se si vuole cancellarlo o salvarlo o annullare l’uscita. Vedremo se è un bug o una scelta…

 

Articolo scritto da Piero Sbressa (www.crystalweb.it) e Carmelo La Monica, Microsoft Contributor (http://community.visual-basic.it/carmelolamonica/default.aspx)

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Le novità di Windows 10

Posted on 4 ottobre 2014. Filed under: Senza categoria |

Questo articolo è la seconda parte di quello scritto in precedenza qua https://pieer11.wordpress.com/2014/10/04/installazione-di-windows-10/

Dopo aver installato 10, proviamo a capire le differenze, sia da parte utente che di sistemista.

Proveremo in un successivo articolo anche a installare la CTP di Visual Studio 14 e vedere come si comporta, tenendo presente che entrambi sono ancora in sviluppo e quindi non esente da bug e malfunzionamenti.

 

Iniziamo.

Prima cosa da vedere: andate in uno degli angoli sulla destra. Non si aprirà più la Charm Bar. E’ possibile però aprirla ancora tramite la combinazione di tasti Windows + C. La disabilitazione della Charm Bar è solo su dispositivi non Touch. Abbiamo finalmente una separazione fra tablet e PC.

 

26

 

Clicchiamo ora su Start. Ecco il nuovo menù:

 

27

 

Sulla colonna a sinistra avremo le applicazioni più usate, come capita in Windows 7, ma sulla colonna destra avremo il nuovo Start Menù.

Trascinando le icone da una parte all’altra e viceversa andranno spostate.

Vediamo un esempio.

Abbiamo fatto qualche modifica qua e là e ora risulta così:

28

Notate che la parte Start Screen sono sempre con le Tile animate, come nella vecchia schermata su Windows 8.

 

Possiamo sempre anche ridimensionare le Tile

29

 

30

 

 

Possiamo ovviamente sbizzarrirci e fare di nuovo una start screen sempre a nostro piacimento:

 

31

 

Andando su “All Apps” saranno mostrate tutte la cartelle di programmi come nel vecchio menù su Windows 7

32

 

 

Tutte le applicazioni, quindi non solo programmi, ma anche scaricate dallo Store, saranno disponibili sul Desktop. Non dobbiamo quindi più andare a vedere quali app sono aperte sul lato sinistro dello schermo, ma abbiamo ora tutto sotto controllo nella barra delle applicazioni, come possiamo vedere nella seguente schermata.

33

Possiamo ora sovrapporre le finestre di app dello store o dal desktop

Possiamo inoltre affiancare le varie finestre in altri modi, rispetto a quanto visto con le Windows Store Application.

 

34

 

 

35

 

36

 

Altra cosa importante è un pulsante nuovo sulla TaskBar con la lente. Elenca le nostre ricerche.

38

 

Molte volte capita: come si chiamava quel file che avevo cercato ieri? Ora in un attimo lo si ritrova.

 

Una cosa molto importante, per i sistemisti è la possibilità di copiare solo parte del testo del Command. Quante volte magari qualche operazione dovevamo copiare per poi mandare a qualcuno via email o da stampare? Dovevamo copiare tutto, andare sul blocco note e solo lì selezionare il testo che ci interessa. Ora invece questo sarà possibile già da dentro il Command.

 

Vediamo un esempio:

37

 

Altra cosa interessante è il pulsante “Task view” (il secondo dopo Start) e dà la possibilità di creare più desktop:

 

39

 

Ammettiamo che abbiamo la necessità di avere un desktop con 2 finestre aperte affiancate e un altro con altre due sempre affiancate.

Possiamo gestire il tutto creando sue desktop e quindi passare da uno all’altro come facciamo ora per passare tra le finestre.

come? Grazie a questo tasto. Vediamo degli esempi nelle successive schermate.

Abbiamo nel primo desktop People a Store. Creiamo il secondo desktop.

40

 

Ci mettiamo internet Explorer ed Esplora Risorse:

 

41

 

 

Ecco ora che passiamo tra i due desktop.

43

 

 

 

 

42

 

 

Quante se ne possono creare? Fino a quelle che si riescono a vedere: io ne ho creato sette e poi il pulsante è sparito.

44

 

Abbiamo finito questa carrellata di novità su Windows 10.

A differenza di Windows 8 c’è una separazione fra i mondi desktop e Mobile sempre verso l’integrazione dei sistemi in uno solo.

 

Articolo scritto da Piero Sbressa (www.crystalweb.it) e Carmelo La Monica, Microsoft Contributor (http://community.visual-basic.it/carmelolamonica/default.aspx)

 

 

 

Notate che l’indicazione dei programmi aperti è sotto l’icona nella taskbar.

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

« Articoli precedenti

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...